I primi giorni di vita di un bambino sono particolarmente delicati non solo per il neonato, ma anche per mamma e papà che devono imparare il mestiere più importante di tutti: fare i genitori.

Del resto tra i primi problemi che ci si pone c’è proprio: come vestire il bambino appena nato? La delicatezza dei lineamenti e la fragilità del suo corpicino portano molti a pensare di doverlo coprire troppo (o troppo poco). Ecco quindi qualche regola utile per tutti coloro che vogliono rispondere alla domanda: quale è la moda dei primi giorni di vita di un bambino?


Non coprire troppo il neonato

Le mamme, soprattutto i primi giorni, hanno la naturale tendenza a voler coprire in maniera eccessiva il proprio bambino, credendo che la quantità di indumenti e canottiere sia proporzionato al suo stato di salute.

A differenza di quanto si possa pensare, vestire in maniera eccessiva il bambino non comporta un aumento del suo stato di salute, ma – al contrario – può comportare alcuni rischi per la salute quali la SIDS (ossia la Sindrome della Morte in Culla). Per questo è importante riuscire a comprendere le necessità del proprio piccolo fin dai primi giorni, contando sul buon senso e un pizzico di istinto.

Se tuo figlio è nato durante il periodo invernale, allora puoi optare per un body a maniche lunghe, ponendo attenzione nel scegliere la taglia corretta: i bambini non amano sentirsi stretti negli indumenti, soprattutto durante i primi giorni di vita in cui devono ancora prendere confidenza con il proprio corpo fuori dal grembo materno.

Se invece sei diventata mamma durante il periodo estivo, puoi tenere come regola generale “se hai caldo tu, probabilmente lo ha anche lui”. Questo non toglie che, soprattutto durante le serate più fresche, sia opportuno portare sempre con sé una copertina leggera di cotone per proteggerlo dal vento (in particolar modo se hai in programma delle vacanze in montagna).


Accessori? Si, ma non troppi

Uno degli aspetti più rilevanti nell’abbigliamento dei primi giorni di vita dei neonati è la possibilità di differenziare l’abbigliamento di casa da quello fuori casa.
Nonostante esistano diversi modi per arricchire l’abbigliamento del proprio bambino con accessori trendy, la regola della comodità rimane fondamentale: l’aspetto esteriore e agli accessori di moda non devono mai essere in primo piano rispetto alla libertà di muoversi del neonato, che non si deve sentire stretto nei suoi indumenti, e del bimbo in un momento importante come quello dei primi passi, che deve compiere in piena libertà di muoversi e non costretto nei suoi vestiti.

Esistono moltissimi accessori invernali per neonati, come cappellini, muffole, sciarpine e foulard, che – se scelti con cura e buon gusto – non solo proteggeranno il tuo bambino dal freddo tipico della stagione, ma risulteranno anche degli ottimi accessori di moda per distinguerlo dagli altri bimbi. In ogni caso, è bene evitare di coprire troppo il bambino e di appesantirlo con accessori quali collane o braccialetti.



Abbigliamento bimbi: cosa non deve mancare

Al contrario di quanto si possa pensare, le scarpine non sono un accessorio essenziale. Seppur ne esistano diversi modelli deliziosi in commercio, è meglio non farle indossare al bebè fino a che non siano veramente necessarie, ovvero al momento dei suoi primi passi. A proteggere i piedini dal freddo, o dal sole, basteranno delle graziose calzotte per l’inverno e delle leggere calze in cotone per l’estate.

Sono invece due gli accessori davvero irrinunciabili, soprattutto per il periodo estivo:

  • Cappellino: per ogni neonato, specialmente per quelli con carnagione, capelli e occhi chiari, il cappellino in estate è un accessorio fondamentale. Infatti, oltre a dare un tocco in più all’outfit del tuo bimbo o della tua bimba, i cappellini servono a proteggere i piccoli da insolazione e problemi legati all’esposizione prolungata al sole.
  • Occhiali: anche se hai fatto indossare al tuo bimbo un bel cappello, ciò non è sufficiente per proteggere i suoi delicati cristallini. In età infantile è importantissimo indossare occhiali protettivi ogni qual volta si è esposti a raggi solari e in generale quando si esce all’aria aperta – anche se il sole sembra essere nascosto dalle nuvole – per evitare di danneggiare i loro fragili occhi.

Adesso che hai tutte le informazioni di cui hai bisogno, non ti resta che scegliere lo stile le meglio si adatta al carattere del tuo bambino!

Menu

Login